Endoscopia diagnostica avanzata

Le più moderne tecnologie disponibili sono utilizzate per la diagnosi di lesioni precancerose o già cancerose (soprattutto quando sono ancora nella fase iniziale e quindi facilmente trattabili) con particolare attenzione nei pazienti a rischio (vedi più avanti). Con le stesse tecnologie vengono sorvegliati i pazienti già trattati per lesioni neoplastiche, sia endoscopicamente che chirurgicamente per il rischio potenziale di recidiva.

Gli strumenti utilizzati sono tutti ad alta definizione con possibilità di ingrandimento dell’immagine fino a 150 x per poter valutare le più piccole alterazioni delle cripte ghiandolari della mucosa (pit pattern).  L’immagine viene ulteriormente contrastata mediante colorazione con tecnologia elettronica (NBI) o con coloranti spruzzati sulla superficie mucosa.

Ove sia necessario valutare la profondità della lesione o la presenza di linfonodi periviscerali si ricorre all’eco-endoscopia con strumento radiale a frequenza variabile. Con questo strumento è anche possibile eseguire biopsie transparietali di questi linfonodi per stabilirne la malignità.

Patologie seguite con particolare attenzione
  • Esofago di Barrett: i pazienti vengono seguiti con endoscopie di follow-up (controllo nel tempo) al fine di identificare l’eventuale trasformazione in neoplasia  dell’esofago di Barrett secondo protocolli condivisi a livello internazionale
  • Diverticolo di Zenker: uno studio funzionale completo (radiologico, manometrico, ph-metrico) viene eseguito prima della terapia endoscopica o chirurgica
  • Adenocarcinoma esofageo: i pazienti già sottoposti ad intervento chirurgico o endoscopico per l’asportazione di un adenocarcinoma esofageo devono essere seguiti secondo schemi ben definiti e rigorosi per valutare la comparsa di complicanze legate agli interventi o la recidiva del tumore.
  • Carcinoma a cellule squamose (SCC): pazienti già trattati per un carcinoma squamocellualare esofageo o oro-faringeo sono ad alto rischio di sviluppare negli anni altri tumori analoghi, E’ necessario essere ben consapevoli di questa possibilità e seguire percorsi di sorveglianza endoscopica e radiologica codificati.
  • Lesioni esofagee da caustici: i pazienti con lesioni esofagee da caustici presentano nel tempo un maggiore rischio di evoluzione neoplastica, e necessitano anch’essi di sorveglianza endoscopica anche se con meno frequenza dei casi precedenti. 
  • Gastrite atrofica: le zone di atrofia gastrica vengono identificate direttamente durante l’esame endoscopico mediante colorazione della mucosa e tecnologia NBI. Questo è importante per poter eseguire  prelievi bioptici mirati delle zone particolarmente a rischio di evoluzione neoplastica.
  • Adenocarcinoma gastrico: pazienti già trattati endoscopicamente o chirurgicamente per un adenocarcinoma gastrico devono essere seguiti nel tempo secondo gli stessi protocolli delle neoplasie dell’esofago.
  • Familiarità per adenocarcinoma colon o poliposi intestinale: i pazienti ad alto rischio di insorgenza di adenocarcinoma colico (identificati anche in corso del programma di Screening regionale per il Cancro del colon) possono essere seguiti presso il nostro centro per l’identificazione di polipi (in particolare polipi piatti) non identificabili con gli endoscopi convenzionali. L’utilizzo infatti di colonscopi con tecnologia NBI si è rilevato in grado di identificare lesioni polipoidi altrimenti non visualizzabili. Lo studio del pitt pattern (aspetto degli sbocchi ghiandolari) permette di identificare le lesioni ad alto rischio neoplastico (da inviare al chirurgo) da quelle benigne suscettibili di terapia endoscopica sicura
  • Tumori stromali gastrointestinali (GIST dall’inglese gastrointestinal stromal tumor) sono neoplasie rare che si possono sviluppare in tutti gli organi del tratto gastrointestinale ma sono più frequenti nello stomaco. L’ecoendoscopia è indispensabile per stabilire la profondità di invasione parietale e l’endoscopia per poter eseguire un prelievo bioptico e stabilire il grado di malignità sono esami fondamentali.

torna ad attività clinica >>>>>